CLIL

Con il termine CLIL (Content and Language Integrated Learning) si intende un progetto di immersione linguistica per potenziare l’insegnamento/apprendimento di una seconda lingua (L2) utilizzandola come veicolo per l’apprendimento di altri contenuti. Tale progetto rientra nei profondi rinnovamenti introdotti dai DD.PP.RR. attuativi della Riforma della Scuola Secondaria di secondo grado nn. 88/2010 e 89/2010, che prevedono l’insegnamento di una disciplina non linguistica (DNL) in una lingua straniera nell’ultimo anno dei Licei – a partire quindi dall’anno scolastico 2014-15.

Alcune finalità basilari dell’insegnamento veicolare possono essere così sintetizzate:

1. fare acquisire i contenuti disciplinari;

2. migliorare la competenza comunicativa nella L2 (lingua seconda o lingua veicolare);

3. utilizzare la L2 come strumento per apprendere, sviluppando così le abilità cognitive ad essa sottese.

Per realizzare queste finalità l’insegnante CLIL non solo utilizza la L2 per veicolare i contenuti della sua materia ma attua una serie di strategie che sono essenziali per l’apprendimento integrato. La lezione viene quindi focalizzata non solamente sui contenuti ma anche sulla lingua, di cui bisogna favorire la comprensione e l’accrescimento.

a.s. 15/16

Per l’anno scolastico 2015/2016 il Consiglio della Classe V ha stabilito che la disciplina coinvolta nel progetto fosse Storia dell’Arte. Pertanto le docenti di Storia dell’Arte del Liceo Classico “G. L. Storoni” e del Liceo Scientifico “E. Piccinini”, in collaborazione con la madrelingua di Inglese, hanno progettato e svolto un modulo di Storia dell’arte in lingua inglese secondo la metodologia CLIL, sviluppato attorno al tema dell’Impressionismo (suddiviso in 3 unità didattiche) e della Street Art.

I moduli CLIL, svolti nel corso dei mesi di Febbraio, Marzo e di Aprile 2016 per una durata totale di 9 ore, sono stati sottoposti alla classe articolata.

PROGRAMMAZIONE:

COMPETENZE 

– Saper inquadrare correttamente l’Impressionismo nel suo specifico contesto storico-culturale e geografico;

– Saper inquadrare correttamente la Street Art nel suo specifico contesto storico-culturale e geografico;

– Saper riconoscere i caratteri stilistici e tecnici dell’Impressionismo e, in particolare, dell’artista C. Monet;

– Saper riconoscere i caratteri stilistici e tecnici della Street Art, in particolare, dell’artista K. Haring;

– Saper leggere un’opera d’arte  utilizzando metodologia e terminologia inglese appropriate;

– Saper individuare e argomentare differenze ed analogie tematiche e formali tra opere di autori o di epoche diverse.

– Saper cogliere temi di riflessione in comune con altre discipline.

METODI

Lezioni frontali espositive

Lezioni interattive

Lettura e discussione delle opere d’arte analizzate

Lavori di gruppo

MEZZI E STRUMENTI

Proiezione di diapositive e di un video sulla serie Gare St. Lazare di Monet reperibile nel sito: https://www.khanacademy.org

Dispensa

VALUTAZIONE

Verifiche orali in itinere

CRITERI DI VALUTAZIONE

– Padronanza dei contenuti

– Capacità di rielaborazione critica

– Esposizione chiara e uso della corretta terminologia specifica inglese.

MODULO: IMPRESSIONISM

U.D. 1 Impressionism: history, style, technique, subjects.

U.D. 2 C. Monet, Gare St. Lazare (1877): a comparison with G. Caillebotte, European Bridge (1876)

MODULO: STREET ART

U.D.1 Art or Vandalism? Focus on Keith Haring and his work around the world, from NYC to Pisa. Discussion about: which kind of street art do you know? What’s your opinion about street art?

RELAZIONE FINALE

Dopo un breve periodo di adattamento alla nuova metodologia, i ragazzi hanno risposto con partecipazione alle lezioni proposte, gestendone con serietà la complessità e la componente interattiva.

Come si è potuto verificare in itinere, gli studenti hanno acquisito una padronanza del linguaggio specifico in lingua e dei contenuti che permette loro di analizzare un’opera d’arte impressionista e di confrontarla con altre opere impressioniste, come proposto nella U.D.2, o l’analisi di manufatti d’arte legati ad altri contesti storici e culturali, come proposto nella U.D.1 del modulo relativo alla Street Art.

a.s. 16/17

Classi quinte

Nell’anno scolastico 2016/2017, per la classe quinta (III Liceo Classico-V Liceo Scientifico) si sono attivati due moduli Clil, offerti ad entrambi gli indirizzi. Nel corso del presente anno scolastico, le Docenti di Storia dell’arte, e i Docenti di Scienze, in collaborazione con il Docente titolare del Potenziamento di Inglese della classe articolata, hanno progettato e svolto rispettivamente un modulo di Storia dell’arte e un modulo di Scienze naturali in lingua inglese secondo la metodologia CLIL.

Seppur l’offerta sia stata rivolta ad entrambe le opzioni per arricchirne il piano di studi, il Consiglio di Classe stabilisce la verifica della competenza nella disciplina caratteristica di indirizzo, ovvero Scienze Naturali per l’opzione Scientifica e Storia dell’Arte per l’opzione Classica in linea con la composizione della Commissione interna.

CLIL ART HISTORY – Opzione Classica

Le docenti di Storia dell’Arte del Liceo Classico “G. L. Storoni” e del Liceo Scientifico “E. Piccinini”, in collaborazione con il Docente di Potenziamento di Inglese, hanno progettato e svolto un modulo di Storia dell’arte in lingua inglese secondo la metodologia CLIL, sviluppato attorno al tema dell’Arte Americana nel XX Secolo.

Il modulo CLIL, svolto nel corso dei mesi di Gennaio, Febbraio e Marzo 2016 per una durata totale di 8 ore (6 di presentazione degli argomenti e 2 di verifica), è stato sottoposto alla classe articolata.

Competenze

– Saper inquadrare correttamente ciascun prodotto artistico, artista o movimento nel suo specifico contesto storico-culturale e geografico;

– Saper riconoscere i caratteri iconografici, stilistici e tecnici del Realismo Americano (E. Hopper) e dell’Action Painting (J. Pollock);

– Saper individuare le caratteristiche architettoniche salienti dell’opera di F. L. Wright, definendo l’espressione “architettura organica”, con particolare riferimento a “La casa nella cascata”

– Saper leggere un’opera d’arte, utilizzando un’appropriata terminologia in lingua inglese (E. Hopper, Nighthawks, 1942)

– Saper individuare e argomentare differenze ed analogie tematiche e formali tra opere di autori o di epoche diverse.

Metodi

Lezioni frontali espositive

Lezioni interattive

Lettura e discussione delle opere d’arte analizzate

Lavori di gruppo

Mezzi e strumenti

Proiezione di diapositive e di materiale multimediale, in particolare tratto da https://www.khanacademy.org

Dispensa digitale e cartacea con esercizi, testi e immagini

Principale testo di riferimento: I. Baldriga, Art History in Clil Modules, Mondadori Education, 2016

Valutazione

Verifiche orali in itinere, in collaborazione con il Docente madrelingua di Inglese

Criteri di valutazione

– Padronanza dei contenuti

– Capacità di rielaborazione critica

– Esposizione chiara e uso della corretta terminologia specifica inglese.

Titolo e Struttura del modulo

20th Century American Art

U.D. 1 American Art to World War II: Edward Hopper

Biography; Main Artworks; Nighthawks and Comparison with Degas, The Absinht

U.D. 2 Architecture and Design: Franck Lyod Wright

The Context; Analysis of Fallingwater

U.D. 3 Jackson Pollock and the Action Painting

Definition of Action Painting and Comparison of a painting by Jackson Pollock with an artwork by Lucio Fontana and another by Alberto Burri to discover what Informal Art is.

Relazione finale

Dopo un breve periodo di adattamento alla nuova metodologia, i ragazzi hanno risposto con partecipazione alle lezioni proposte, gestendone con serietà la complessità e la componente interattiva.

Come si è potuto verificare in itinere, gli studenti hanno acquisito una padronanza del linguaggio specifico in lingua e dei contenuti, tale da permettere loro di analizzare un’opera d’arte del XX Secolo proveniente da differenti movimenti artistici e di confrontarla con altre opere legate a contesti storici e geografici diversi.

CLIL SCIENCES – Opzione Scientifica

Il modulo CLIL è stato sviluppato attorno al tema delle Biotecnologie e si è svolto nei mesi di Marzo e di Aprile 2017, per una durata totale di 5 ore (comprensive delle lezioni frontali e della prova di verifica).

Competenze

– Saper definire le biotecnologie con particolare riferimento alle tecnologie del DNA ricombinante;

– essere consapevoli della rivoluzione scientifica e dei risvolti sociali delle applicazioni della tecnologia del DNA ricombinante in campo medico e in ambito forense;

– Saper descrivere i processi biotecnologici utilizzando metodologia e terminologia inglese appropriate.

Metodi

Lezioni frontali espositive

Lezioni interattive

Mezzi e strumenti

All’inizio della prima lezione i ragazzi si sono messi alla prova eseguendo un piccolo test sulle biotecnologie in lingua disponibile nel sito: https://www.khanacademy.org/science/biology/biotech-dna-technology

Proiezione di diapositive e di un video sui chips a DNA reperibile sul sito https://www.youtube.com/watch?v=vzQh_Od3TYI

Glossario.

Valutazione

Verifiche orali in itinere

Criteri di valutazione

– Padronanza dei contenuti

– Capacità di rielaborazione critica

– Esposizione chiara e uso della corretta terminologia specifica inglese.

Titolo e Struttura del modulo

Biotechnology

U.D. 1 Biotechnology in medicine

U.D. 2 Genome research

Relazione finale

I ragazzi hanno risposto con partecipazione alle lezioni proposte, nonostante una prima difficoltà nell’approcciare il linguaggio tecnico scientifico in lingua della disciplina.

Come si è potuto verificare in itinere, gli studenti hanno acquisito una padronanza del linguaggio specifico in lingua e dei contenuti che permette loro di spiegare con consapevolezza i processi e le applicazioni delle moderne biotecnologie come proposto nelle U.D.1, U.D.2 del modulo proposto.

Classi quarte e terze

Per le altri classi del triennio sono state effettuati lezioni o piccoli moduli secondo il modulo Clil: per rispondere alle richieste del Ministero, per tutte le classi di triennio liceale La Nuova Scuola ha previsto, secondo tempi e modalità decisi nei Consigli di Classe, la realizzazione di alcuni moduli di discipline artistiche (Storia dell’arte) in lingua inglese (si specifica che la lingua utilizzata da insegnanti ed alunni durante l’intera ora di lezione, intendendo anche i momenti di spiegazione, le domande, gli interventi di chiarimento e i dialoghi tra i ragazzi stessi è stata l’inglese). A tale proposito, si rimanda ai programmi disciplinari di tale disciplina.