“Costruire il futuro”: Fausto Bertinotti e Alessandro Bracci a La Nuova Scuola

PESARO, Hotel Flaminio 28/04/2016 –  La disillusa disamina delle faticose prospettive di lavoro nella società futura, ma anche la fiducia, il coraggio e la speranza di poterle affrontare. Gli studenti de La Nuova Scuola e del Liceo Marconi hanno ricevuto entrambi i punti di vista da due relatori d’eccezione con due pensieri scarsamente convergenti: un protagonista degli ultimi decenni di storia politica e sindacale italiana come Fausto Bertinotti e un uomo d’azienda come il 42enne manager pesarese Alessandro Bracci, amministratore delegato di Teddy Spa.

084452 Costruire un futuro

All’Hotel Flaminio Fausto Bertinotti è arrivato accompagnato dalla recente curiosità mediatica del suo avvicinamento al mondo cattolico. Davanti alla platea dell’incontro “Costruire un futuro” organizzato da La Nuova Scuola nell’ambito dei progetti di Alternanza Scuola-Lavoro, Bertinotti ha dispensato pensieri “da vecchio comunista quale sono” e citazioni di “grandi Papa, ma perché mi risparmio i marxisti per doveri di ospitalità”. Tra questi l’invito a rileggersi gli insegnamenti di Don Milani e la sintonia di pensiero con Papa Francesco verso “una società che sta producendo scarti. Come migranti, disoccupati e nuovi poveri difficili da gestire dalla società”. Alessandro Bracci si presenta invece con due cartonati per altrettante metafore. Uno di un mendicante e uno di una nonna: “perché – dice – non bisogna mai smettere di porsi domande né di essere semplici ed essenziali”. Un Bracci che, più di Bertinotti, ha ostentato ottimismo verso una “realtà che è molto meglio di come sembra. Ma che va affrontata con occhio critico”.


Il video dell’incontro [parte 1/2]

Il video dell’incontro [parte 2/2]


  • L’album fotografico dell’evento

24 Photos